Irlanda Rock of Cashel

Irlanda

Rock of Cashel (1)

Rock of Cashel

Nella verde e lussureggiante Irlanda meridionale del Tipperary troviamo Rock of Cashel. Conosciuta anche come Rocca di San Patrizio oppure Rock of Cashel è una località  dominata dal monumentale complesso architettonico, che richiama molti turisti.

Una leggenda sostiene che San Patrizio colse a Cashel un trifoglio e lo impiegò per spiegare al re il mistero della Santissima Trinità. Da quel momento il trifoglio diventò il simbolo dell’Irlanda.

Sono giunta in questo luogo in un giorno grigio e ventoso che, se possibile, ha reso ancora più suggestiva la mia visita. Rock of Cashel (2)

Ho iniziato il giro dalla Croce di San Patrizio per poi ritrovarmi nel incantevole cimitero confinante alla Cattedrale in cui si trovano numerose croci celtiche, questo luogo non mi ha trasmesso una sensazione inquietante, pur trattandosi di un cimitero, poiché regala un senso di pace e tranquillità, è suggestivo e circondato da un esteso prato collinare.

In Irlanda ed Inghilterra è un vecchia abitudine creare le tombe tra le rovine delle antiche chiese e cattedrali o addirittura all’interno di esse.Rock of Cashel (15)

La cattedrale e la cappella sono ormai dei ruderi ma è facile immergersi nell’atmosfera di questo luogo che, nel corso del tempo, ha rappresentato per l’Irlanda un’importante testimonianza del periodo medievale.

Il paesaggio che si può godere dalla rocca è bellissimo ed è veramente facile lasciarsi andare ed immaginare quante storie si sono avvicendate in questo posto.Rock of Cashel (9)

Rock of Cashel mi ha incantato, vi consiglio sinceramente di visitarla, mostre ed esposizioni sono disponibili presso il sito ed è possibile visitare il museo della rocca che si trova nel suo interno.

Io ci sono stata molti anni fa tuttavia credo che non sia cambiata, era già lì da secoli. Io prima o poi ci tornerò spero lo stesso per voi.

La Storia (breve!)Rock of Cashel (16)

Rock of Cashel è oggi un grandioso rudere, le sue rovine sono piene di storia.

Spesso devastata e saccheggiata ma sempre ricostruita e risistemata, divenne una considerevole sede spirituale per tutta l’Irlanda in seguito alla consegna della rocca alla Chiesa.

E’ tuttora uno dei maggiori monumenti irlandesi nonostante sia abbandonata dal 1749.

La rocca fu fortificata nel IV secolo dal re di Munster.Rock of Cashel (4)

Dopo che san Patrizio vi battezzò re Aengus e ne fece un vescovado, molti dei successivi sovrani assunsero anche la carica religiosa.

Nel 977 vi fu incoronato re Brian che ne fece la propria residenza.

Un discendente della dinastia degli O’Brian la diede in dono alla chiesa e nel 1127 il vescovo Cormac Mac Carthy intraprese la costruzione della cappella omonima.

Nel 1152 il vescovado divenne arcivescovado e passò alla fede protestante dopo la riforma di Elisabetta I.

La rocca di Cashel fu testimone di numerosi eventi eroici e tristi.

Nel 908, uno dei suoi re-vescovi, Cormac Mac Cuilleannain, fu ucciso nella battaglia di Ballaghmoon mentre cercava di farsi riconoscere re d’Irlanda.

Brian Boru, discendente di Mac Cuilleannain, fu incoronato re di Munster a Cashel nel 977, si vide riconoscere, solo nel 1002, la supremazia su tutta l’isola, morì nel 1014.

La roccaRock of Cashel (3)

Rock of Cashel si innalza 60m sopra la cittadina, la si raggiunge per Ladyswell street, accedendo alla zona priva di mura per la Hall of the Vicard’s Choral, l’abitazione della servitù.

All’ingresso si erge la croce di san Patrizio, che è la copia dell’originale conservata nel museo dal 1982.Rock of Cashel (17)

Il museo è situato nella rocca stessa in un edificio del XV secolo, la famosa Croce è decorata, su un lato, da un altorilievo raffigurante la Crocifissione e, sull’altro, dalla figura del santo, sorge nel punto in cui san Patrizio convertì e battezzò re Aengus.

Lo zoccolo della croce, che è un elemento del piedistallo, è decorato di motivi geometrici, probabilmente è la pietra sulla quale avveniva anticamente l’incoronazione dei sovrani del Munster.

Il complesso raggruppa più edifici: la cattedrale, la Cormac’s Chapel e il palazzo vescovile.

La cattedraleRock of Cashel (13)

Questa cattedrale è considerata tra i maggiori esempi del romanico irlandese.

Sono particolarmente interessanti le arcate cieche sulla parte anteriore meridionale, le torri su ogni lato del presbiterio e l’originaria copertura a botte della navata centrale.

L’imponente Cattedrale Gotica, oggi priva di tetto, che sovrasta le altre rovine costituisce la zona più ampia dell’intero complesso, conserva tuttavia integro il suo fascino medioevale.Rock of Cashel (5)

Nella navata centrale, si trova un sepolcro, nel transetto diverse tombe cinquecentesche con interessanti rilievi degli apostoli, santi, animali e scene dell’Apocalisse.

Dagli angoli, tra la navata e il transetto (il transetto è la navata traversale che attraversa verticalmente la navata principale), partono due scale a chiocciola di 127 gradini (li ho anche contati!) che salgono all’interno delle torrette,

Portando sopra la crociera e ai cammini di ronda collegati tra loro attraverso passaggi e strette scale, all’interno delle spesse mura, in un collettivo sistema di difesa.

La Round Tower, la parte più antica, alta quasi 30 metri, collegata al transetto nord della cattedrale risale al XI secolo.

Cormac’s ChapelRock of Cashel (14)

Incorporata tra il transetto e il coro della cattedrale, la King Cormac’s Chapel è in realtà un edificio autonomo, fu costruita a partire dal 1127 in stile romanico (probabilmente la prima chiesa romanica in Irlanda) e consacrata nel 1134.

La chiesa è costituita da una navata centrale, un coro con arcate cieche e la volta a botte, oltre a 2 torri quadrate, in cui è evidente l’influenza dell’architettura romanica tedesca.

Di particolare interesse nella Cormac’s Chapel, sono il coro e il transetto meridionale.

Il coro conserva gli originali ed unici affreschi romanici di tutta l’Irlanda resistiti fino ad oggi, che includono una rappresentazione del Battesimo di Cristo.

Nel lato ovest della chiesa c’è una tomba del XII secolo con un motivo formato da serpenti sottili e serpenti grossi, tipici ornamenti scandinavi.Rock of Cashel (11)

Nella Cormac’s Chapel si trova uno dei più antichi mausolei d’Europa, in questo luogo si vedono incisioni composte da simboli di tradizione nordica e un simbolo in particolare che ricorda un otto, tale simbolo è celtico per eccellenza, chiave di lettura dell’infinito, della ciclicità delle cose e della reincarnazione in cui i Celti credevano fermamente.

Il palazzo vescovile

Sul lato occidentale della cattedrale sorge il palazzo arcivescovile, un massiccio edificio rettangolare del XV secolo, di aspetto piuttosto militaresco.

La profondità della parete ovest ha permesso di costruirvi all’interno una scala, bellissima la veduta il panoramica dalla cima.

Vi saluto alla prossima e vi lascio qualche informazione utile.

 TerePark
… Ciao da Teresa

 

Rock of Cashel Informazioni utili

Orario di apertura:

Giugno a settembre: tutti i giorni 09:00 – 7:30pm

Settembre a Marzo: tutti i giorni dalle 9 alle 4:45pm

Ultimo ingresso 45 minuti prima della chiusura.

Biglietti:

€ 5 adulti, € 3,50 anziani, € 2 studenti e bambini, 11 € famiglia.

Per i visitatori disabili è necessario avvisare in anticipo per email

[email protected]

 In modo da organizzare la visita.

Indirizzo: Cashel, Co. Tipperary, Irlanda

 

 

 

 

 

 

5 pensieri su “Irlanda Rock of Cashel

  1. Che luogo meraviglioso e ricco di fascino! Io non vedo l’ora di andarci, Irlanda e Scozia mi attirano molto; mi tengo presente questa meta perché ancora non ho neppure l’idea di un itinerario, e da qualche parte dovrò pur partire 🙂

    1. Laura ci devi proprio andare… la Scozia é meravigliosa non a caso anche stata la meta del mio viaggio di nozze e l’Irlanda e molto suggestiva! 🙂

    1. grazie Mara sono contenta che ti piacciano é una delle mie passioni piú grandi…. fosse per me viaggerei soltanto! 😀

  2. I just want to say I’m all new to blogs and honestly liked your web-site. Almost certainly I’m likely to bookmark your blog post . You definitely have excellent articles and reviews. Kudos for sharing with us your blog site.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*