Dracula di Bram Stoker

Dracula di Bram Stoker

… 399g di pura avventura e orrore!

“Quel che meno si aspetta accade sempre.”

Dracula è un romanzo di Bram Stoker, fu pubblicato nel 1897. Il romanzo è così moderno, in realtà, che ha ispirato molti adattamenti cinematografici, due dei più recenti e famosi sono: Dracula Bram Stoker del 1992 di Francis Ford Coppola e Van Helsing di Stephen Sommers nel 2004.

 Una cosa che mi ha colpito particolarmente di questo romanzo, è la forza delle donne che troviamo in questa opera narrativa, la vitalità della sua protagonista femminile, Mina Murray, che sposa Jonathan, è sorprendentemente fondamentale per lo sviluppo della storia. Oltre ad essere una dei principali narratori della storia, Mina aiuta anche a guidare la trama con la sua intelligenza e intraprendenza. In molti modi, Mina è si può considerare un avventuriera alla stregua degli uomini protagonisti. Mina ha l’idea di scrivere su copie di tutti i loro diari, permettendo loro di consolidare e condividere tutte le informazioni su Dracula.

Quando Mina viene morsa dal vampiro e comincia a cambiare, è così forte che a riesce a tenere testa al fortissimo Dracula e arriva a conservare la sua lealtà, fornendo ai suoi compagni preziose informazioni sui movimenti di Dracula per aiutarli a stanarlo. 

Il personaggio di Mina è nettamente in contrasto con la figura della donna vittoriana, vittima per eccellenza, praticamente quelle famose fanciulle svenevoli, in effetti il ruolo cruciale di Mina è molto anacronistico.

Dracula è alla pari con gli standard contemporanei in molti modi, secondo me lo rende una lettura facile anche per i lettori moderni. Non ho molto amato i vampiri di ultima generazione, li trovo poco personali e molto artefatti; molto incentrati sull’estetica e poco sul fascino, possiamo dire che ormai le storie di vampiri sono tornate di moda, tuttavia credo che con le sue molte qualità senza tempo, Dracula sarà rimasto un classico dell’orrore, diciamo che resterà nella storia della letteratura, come il capostipite di tutti i vampiri.

A questo punto tenterò di spiegarvi il libro, darvi qualche notizia e infine lasciarvi qualche curiosità, come al mio solito! Credo che a questo punto si evinca che vi consiglio vivamente di leggerlo, io ho la versione cartacea, che è molto economica l’ho pagata solo 7,90 €, ma si trova in commercio anche la versione per e-reader che costa anche meno, la mia versione è introdotta da Vittorio Andreoli, ed è edito da BUR Rizzoli. Una cosa che mi ha fatto molto sorridere e che cercando in internet le specifiche del libro ho letto che pesava la bellezza di 399 g (erano dei parametri per la spedizione!).

Ebbene io l’ho pesato per curiosità ed era proprio vero, quindi leggete questi 399g di avventura, orrore e non ve ne pentirete!

La trama

Questo romanzo non è raccontato in un ordine cronologico, come molti romanzi dell’Ottocento. Piuttosto, è composto da un collage di lettere, voci di diario e appunti, vari ritagli di giornale. Dal momento che la storia è fondamentalmente un mistero, questa tecnica è molto efficace per rinforzare la suspense, ci sono letteralmente decine di pezzi narrativi per poter vedere la complessità del romanzo, molto tipico dello stile di Stoker.

Jonathan Harker, un giovane avvocato inglese, si reca al castello di Dracula nel paese dell’Europa orientale della Transilvania per concludere un affare   immobiliare con un nobile di nome Conte Dracula. Come Harker si snoda sulla sua strada attraverso la pittoresca campagna, i contadini locali lo mettono in guardia circa la sua destinazione, dandogli crocifissi, aglio e altri rimedi tentando di metterlo in guardia con strane parole che Harker poi traduce in seguito come “vampiro”.

Spaventato tuttavia non meno determinato, Harker incontra la carrozza del conte come previsto. Il viaggio verso il castello è straziante, e la carrozza è attaccata da lupi feroci lungo la strada. All’arrivo del fatiscente e vecchio castello, Harker scopre che Dracula è un gentiluomo ben educato e ospitale. Dopo pochi giorni, però, Harker si rende conto che è prigioniero nel castello.  Harker indaga sulla natura della sua reclusione e si rende conto che il conte possiede poteri soprannaturali e ambizioni diaboliche. Una sera, Harker è quasi attaccato da tre belle e seducenti vampire, tuttavia il conte lo aiuta, le scaccia inveendo contro di loro e asserendo che Harker gli appartiene. Temendo per la sua vita, Harker cerca di fuggire dal castello.

Nel frattempo, in Inghilterra, la fidanzata di Harker, Mina Murray, ha una fitta corrispondenza con la sua amica Lucy Westenra. Lucy ha ricevuto proposte di matrimonio da tre uomini: il Dr. John Seward, Arthur Holmwood, e un americano di nome Quincey Morris.  Anche se rattristata dal fatto che deve respingere due di questi pretendenti, Lucy accetta la proposta di Holmwood. Mentre Mina visita Lucy nella città balneare di Whitby.

 Una nave russa è naufragata sulla costa vicino alla città, tutto il suo equipaggio è disperso e il suo capitano morto. L’unico segno di vita a bordo è un grande cane che scompare nelle campagne; altra stranezza e che l’unico carico che si trova a bordo sono una cinquanta casse di terra, spedite dal Castello di Dracula.

Non molto tempo dopo, Lucy comincia improvvisamente a soffrire di sonnambulismo. Una notte, Mina ritrova Lucy nel cimitero comunale e crede di scorgere una forma scura nell’ombra con gli occhi rossi incandescenti fissati su Lucy.

Lucy diventa sempre più pallida e malata, e scoprono che ha due piccoli segni rossi al collo, per i quali né il dottor Seward né Mina sanno spiegare la provenienza. Incapace di arrivare ad una diagnosi soddisfacente, il dottor Seward chiede aiuto al suo vecchio mentore, il professor Van Helsing.

Harker riappare nella città di Budapest. Mina lo raggiunge. Van Helsing arriva a Whitby, dopo un primo esame a Lucy, intuisce il problema e ordina che le sua camera sia rivestita con l’aglio, un influsso negativo rinomato contro i vampiri.

Inizialmente, questo espediente sembra funzionare e allontanare la malattia di Lucy. Lei inizia a recuperare, però la madre, ignara del potere del aglio, elimina involontariamente le piante odorifere dalla stanza della figlia, lasciando inconsapevolmente Lucy vulnerabile a ulteriori attacchi. Seward e Van Helsing trascorrono diversi giorni cercando di far rinvigorire Lucy, eseguendo quattro trasfusioni di sangue. I loro sforzi però alla fine non servono a nulla. Una notte, gli uomini momentaneamente abbassano la guardia, e un lupo irrompe in casa Westenra. Lo shock per la madre di Lucy è troppo forte e le provoca un attacco di cuore fatale, il lupo attacca Lucy, uccidendola.

Dopo la morte di Lucy, Van Helsing porta Holmwood, Seward e Quincey Morris si incontrano sulla sua tomba. Van Helsing convince gli altri uomini che Lucy appartiene ai “non morti”, in altre parole, è stata trasformata in un vampiro come Dracula. Gli uomini restano scettici, finché non vedranno Lucy predare su un bambino indifeso, e questa orribile scena li convince che deve essere distrutta.

Essi decidono di eseguire il “rito del vampiro”, che ucciderà la parte vampiresca e garantirà l’anima di Lucy per darle il riposo eterno. Mentre Lucy è distesa nella sua bara, Holmwood conficca un paletto di legno nel suo cuore. Gli uomini poi le tagliato la testa e riempiono la bocca con aglio. Dopo questo aver terminato questo atroce rito, i tre uomini si ingaggiano e accordano per distruggere Dracula.

Mina e Jonathan si sono sposati e tornano in Inghilterra per unire le forze, e aiutare gli altri, a annientare Dracula. Mina aiuta Van Helsing raccogliere le varie voci dei vari diari quello di Lucy, Harker, Seward, e gli altri, cercando di mettere insieme una descrizione più approfondita degli eventi e che li porterà a capire meglio come sono andati gli eventi, tentando così di scoprire tutto il possibile su Dracula. Van Helsing e gli altri tentano di rintracciare le casse di terra che il conte utilizza come un santuario durante la notte.

I loro sforzi sembrano andare per il meglio, tuttavia un malato mentale del dottor Seward, Renfield, permette a Dracula nel manicomio dove si trova, di individuare Mina e lo aiuta a predarla.

Mina, a questo punto inizia il lento cambiamento in un vampiro, però gli uomini del gruppo intingono di acqua santa le scatole di terra, (necessaria al vampiro per sopravvivere!) costringendo Dracula a fuggire nella sua nativa Transilvania.

 Gli uomini inseguono il conte, unendo le loro forze e lo seguono attraverso la terra e il mare. Mentre Van Helsing protegge Mina, gli altri raggiungono il conte proprio mentre sta per arrivare al suo castello qui Jonathan e Quincey lo distruggono.

Bram Stoker breve Biografia

Abraham (Bram) Stoker

Abraham (Bram) Stoker, nacque 8 novembre 1847 a Dublino, Irlanda.

Suo padre era un impiegato statale e sua madre si occupava dell’esercito della salvezza e opere di carità. Stoker era un bambino malaticcio e per questo motivo ha passato molto tempo a letto. Sua madre gli leggeva molte storie dell’orrore, che sicuramente hanno influenzato i suoi scritti successivi.

Nel 1864 Stoker è entrato al Trinity College di Dublino.

Mentre frequentava il college ha iniziato a lavorare come funzionario irlandese. Ha anche lavorato part-time come giornalista free lance e critico teatrale.

Nel 1876 incontrò Henry Irving, un attore famoso, e presto divennero molto amici. Non molto tempo dopo, Stoker incontrò e si innamorò di una aspirante attrice di nome Florence Balcombe.

Il 4 dicembre 1878 presso la Chiesa Parrocchiale di S. Anna, Dublino sposa la Balcombe. Il 9 dicembre, Stoker e sua moglie si trasferirono in Inghilterra.

Il suo primo libro “I Doveri dei Cancellieri di Petty Sessions “, è stato pubblicato nel 1879. Il 30 dicembre, 1879 Stoker e sua moglie hanno avuto il loro unico figlio, Noel.

Stoker scrisse anche diversi romanzi e racconti. Il suo primo libro di narrativa, “Under the Sunset,” è stato pubblicato nel 1881. Anche se meglio conosciuto per “Dracula”, Stoker ha scritto diciotto libri prima della sua morte nel 1912 morì di sfinimento, all’età di soli 64 anni.

Dracula e Bram Stoker, curiosità:

Vlad Dracul,

 

  • Il titolo originale di Stoker per Dracula era: Non morti.
  • Nosferatu si basa su Dracula, ma non ufficialmente. Nosferatu è un film horror 1922 di un espressionista tedesco, tratto dal romanzo di Bram Stoker.
  • La famiglia di Stoker ha rifiutato, dopo una lunga battaglia legale, di concedere loro i diritti d’autore, quindi il regista Murnau e lo scrittore Henrik Galeen sono stati costretti a cambiare alcuni elementi. Da “Vampiri” è diventato “Noferatu” e il “Conte Dracula” è diventato “Conte Orlek.”.
  • Il romanzo non fu un successo immediato, anzi non ha guadagnato molti soldi. Infatti nell’ultimo anno della sua vita Bram Stoker era così povero che non aveva di che sopravvivere, riuscì a sbarcare ilo lunario solo con l’aiuto di amici e parenti
  • Stoker soffriva di una grave malattia da bambino, costretto a letto e incapace di stare in piedi fino all’età di sette anni. Si è poi ripreso diventando un atleta campione al liceo e all’università. Ma Stoker ha sempre dichiarato che il suo successo come uno scrittore lo deve proprio grazie a questi lunghi periodi di inattività, durante i quali ha letto e vagato molto con la mente.
  • Bram Stoker e l’autore Oscar Wilde erano entrambi di classe media le famiglie di Dublino. Entrambi giovani scrittori si trasferirono a Londra nel 1870, corteggiarono la stessa donna Florence Balcombe (Stoker la sposò nel 1878), ed entrambi erano in lizza per lavorare con il famoso attore Henry Irving (Stoker ottenne il lavoro).
  • Il personaggio del Conte Dracula è stato liberamente ispirato alla nobile transilvano reale, Vlad Dracul, che visse dal 1431 al 1476. Vlad fu soprannominato “l’Impalatore”, per il suo metodo crudele di punire i nemici catturati in guerra, oppure i criminali. Come l’immaginario di Dracula, Vlad ha vissuto in un isolato castello di montagna, aveva una pessima reputazione per la sua disumanità, e ha condotto diverse campagne contro l’esercito invasore turco. Non era, per quanto si sa, un vampiro.
  • Mentre gli europei occidentali hanno sempre visto il principe come un simbolo del male, gli europei dell’est hanno avuto un approccio diverso. Ancora oggi Dracula è considerato un eroe nazionale che si ostacolò gli invasori stranieri.
  • In Romania nel 2006, Vlad è stato nominato come uno dei “100 migliori romeni della storia” di tutti i tempi. Oggi un busto di Dracula è orgogliosamente mostrato al suo paese natale, vicino Sighioara, in Transilvania, dove si trova anche il suo castello.

 

 

Dracula di Bram Stoker BUR   Rizzoli

Introduzione di: Vittorio Andreoli

Copertina flessibile: 521 pagine

Editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli (14 novembre 2001)

Collana: Superbur classici

Lingua: Italiano

Prezzo: 7,90 €

Questo libro, Dracula di Bram Stoker, mi affascina, considerando che è stato ambientato nell’epoca vittoriana, mi stupisco sempre a scorgere la modernità dello scritto, nonostante sia un classico potrebbe perfettamente essere stato scritto un centinaio di anni più tardi.

A questo punto vi saluto al prossimo articolo… e buona lettura! Ciao da Teresa

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*