Linfadren

Linfadren

Per il benessere del microcircolo

Linfadren, ora vi spiego da dove inizia la mia esperienza con questo integratore, giunti in quel periodo, dei primi caldi per cui iniziano i problemi di gonfiore alle gambe, almeno è un problema stagionale che mi affligge, per puro caso ho scoperto Linfadren.  

Ero immobilizzata e lo sono rimasta per ben 45 giorni, ed ho iniziato ad avere un dolore fortissimo alla caviglia infortunata che era molto gonfia, allarmata dall’ortopedico sono andata subito per visita specialistica angiologica e vascolare per scongiurare una trombosi venosa profonda, per fortuna non era il mio caso tuttavia il medico mi prescrisse questo integratore alimentare per sopperire al gonfiore, e mi sono trovata così bene che ormai prima della stagione calda compro una scatola di Linfadren a scopo preventivo, e devo dire che insieme ad alcuni piccoli accorgimenti da effettuare:

Funziona, e a questo punto ho deciso di raccomandarvelo e di proporvelo perché magari può essere di aiuto per qualcuno di voi che ha problemi di gonfiore alle gambe, voglio però ribadire che questo è un integratore non è una cura e in caso di problemi patologici, chiedete sempre al medico se è adatto a voi.

Linfadren è un integratore alimentare; si definiscono integratori alimentari quei prodotti specifici, volti a favorire l’assunzione di determinati principi nutritivi, quindi, li si assume per integrare quando con la sola alimentazione, non è possibile fornire all’organismo tutti i nutrienti di cui necessita per il corretto svolgimento di tutte le sue funzioni o quando vi è qualche carenza nutrizionale di uno specifico elemento, in questi casi si può sopperire con un integratore. Sono disponibili in pratici formati: compresse, tavolette, capsule o liquidi, in dosi specifiche.

In questo caso sono compresse.

Linfadren è concepito per il benessere del microcircolo ha la mansione di forte drenante, Linfadren è composto dall’associazione di tre principi attivi: Diosmina, Cumarina e Arbutina capaci di sviluppare un forte e rapido intervento sugli stati edematosi linfatici e venosi.

Ho fatto una piccola ricerca, ed ecco a voi le informazioni che ho raccolto sui suoi principi attivi:  

Diosmina:

La diosmina è una molecola semisintetica, appartenente alla famiglia dei flavonoidi e si ricava in gran parte dagli agrumi. È un farmaco flebotropico utilizzato come vaso protettore in tutte quelle patologie nella quale si evidenzia un deficit delle strutture dei vasi sanguigni. La diosmina, in Italia è venduta come integratore ma solo a bassi dosaggi. La diosmina agisce incrementando la resistenza e riducendo la permeabilità dei vasi, inoltre aumenta il drenaggio linfatico mediante l’incremento della frequenza e dell’intensità delle contrazioni linfatiche, aumentando la funzionalità della rete capillare linfatica

Cumarina da Meliloto:

Il Meliloto è considerato uno specifico sintomatologico dell’insufficienza veno linfatica: deve questa proprietà alla cumarina, che non è anticoagulante, tuttavia è in grado di stimolare il Sistema Reticolo Endoteliale. La cumarina è in grado di aumentare l’ossigenazione tissutale grazie al miglioramento del microcircolo e di stabilizzare la membrana degli eritrociti. Le indicazioni terapeutiche principali sono, comunque, i disturbi della circolazione venosa, gonfiore, varici, ulcere della gamba, tromboflebite, profilassi della trombosi, stasi linfatiche. Il meliloto possiede anche proprietà diuretiche.

Arbutina da Uva Ursina:

L’Arbutina è considerata un pro farmaco, ovvero dopo somministrazione orale, l’arbutina viene idrolizzata dalla flora intestinale. L’Arbutina è presente nelle foglie dell’uva Ursina in concentrazioni variabili tra il 5% e 7%. Ulteriori componenti del fitocomplesso quali tannini, triterpeni, acido formico, sali di potassio, mucillagini e iridoidi, completano l’azione delle piante sulle infiammazioni a livello dell’apparato urinario, esplicando un’attività antinfiammatoria, analgesica, diuretica, antiemorragica, vaso protettiva, antimicrobica. L’arbutina è controindicata in gravidanza, allattamento, in persone con gravi disturbi epatici e nelle patologie irritative digestive. Inoltre, studi dimostrano che alti dosaggi di uva ursina (superiori a dieci volte la dose consigliata) possono indurre vomito, nausea, nervosismo, insonnia, a causa della tossicità dell’idrochinone. La terapia consigliata prevede quindi cicli brevi e dosaggi non troppo elevati. A causa dell’ossidazione dell’idrochinone, le urine dei pazienti che assumono uva ursina divengono di un colore giallo-bruno, ma è un effetto transitorio.

Linfadren è quindi una associazione di principi attivi che favoriscono il fisiologico benessere del microcircolo e che contrastano il senso di pesantezza delle gambe.  

Dose giornaliera e modalità d’uso: Una compressa al giorno o comunque definiti dal medico curante.

Avvertenze: Non superare la dose giornaliera raccomandata.Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei tre anni di età.

Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata.

Controindicato in gravidanza, allattamento e nei bambini al di sotto di 12 anni.

Non sono note interazioni con altri farmaci.

Può comparire una colorazione marrone delle urine, segno dell’attività diuretica dell’Arbutina, che comunque non deve allarmare.

Formato: Confezione da 2 blister da 15 compresse.

Prezzo: 25 euro circa

Marca: Omega Pharma Srl

 Come al solito, quando vi consiglio degli integratori vi suggerisco di parlarne sempre con il vostro medico curante, una volta che otterrete il via libera vi suggerisco di provare a me questo integratore ha dato ottimi risultati, infine vi volevo anche dire che l’effetto diuretico non é forte come in altri inegratori simili. Per ora é proprio tutto vi saluto al prossimo articolo ciao da Teresa.

It's only fair to share...Share on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*